P&G contro il tetano neonatale: raddoppiato il numero di vaccini

Produttori

Si è conclusa con ottimi risultati la seconda edizione della campagna Insieme contro il tetano neonatale realizzata da P&G con Dash e alcune delle sue marche a sostegno dell'Unicef per contribuire all'eliminazione del tetano neonatale, malattia che ancor oggi è causa di morte in 38 Paesi in via di sviluppo.

Sensibilità da parte delle famiglie italiane
P&G in Italia per la seconda edizione della campagna ha schierato al fianco di Dash, alcune sue marche più note e apprezzate dalle famiglie italiane come: Gillette, Pantene, AZ, Fairy, Bolt, Mastro Lindo, Ambi Pur, Oral-B, Swiffer, ACE e Viakal, contribuendo a ottenere un risultato ragguardevole per il raggiungimento dell'obiettivo finale.
Le famiglie hanno infatti contribuito a donare oltre 30 milioni di vaccini così suddivisi: 15.458.441 mediante i prodotti e 14.673.585 attraverso le donazioni dirette delle famiglie italiane.

Raddoppio
I risultati della seconda edizione della campagna Insieme contro il tetano neonatale sono di importante portata: nel 2011 si è andati oltre il doppio del totale vaccini donati nell'edizione 2010, che ammontava a 15.286.120 di vaccini.

Da 59 a 38 paesi
Nel 2006 il tetano neonatale era presente in 59 Paesi in via di sviluppo. A settembre 2011 grazie all'intervento dell'Unicef i Paesi in cui il tetano neonatale è stato eliminato erano 21.
Sami Kahale, presidente e amministratore delegato P&G, afferma: "Siamo veramente molto soddisfatti del traguardo raggiunto. Questo è stato possibile grazie a milioni di famiglie italiane che, nonostante le difficoltà di questo periodo, hanno dimostrato la loro forte sensibilità verso le drammatiche condizioni in cui si trovano tanti Paesi in via di sviluppo. Per P&G avere come partner l'Unicef significa avere la possibilità di arrivare ad aiutare mamme e bambini che hanno reale bisogno d'aiuto".

Davide Usai, direttore generale dell'Unicef, sostiene: "Come Unicef Italia siamo rimasti molto colpiti, oltre che ovviamente soddisfatti, del risultato ottenuto. Soprattutto se si pensa all'arco di tempo breve, e di piena crisi, in cui si è verificato. Tutto questo ci fa ben sperare anche per il futuro. Nonostante il periodo sicuramente difficile, il cuore delle persone si è dimostrato sensibile alle tematiche dei bambini meno fortunati. Ed il messaggio che ci è arrivato dalle famiglie italiane, grazie all'apporto di P&G, è un messaggio di speranza. Per noi e per tutti i bambini che nel mondo, ancora soffrono".

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome